Tag Cloud
Featured Review

Giudizio Universale

La creazione, minuziosamente narrata dall’autore, parte dalla discesa agli inferi dell’Inferno dantesco, per incontrare la debolezza di Dante, in un incipit particolarmente infuocato. Tutto comincia da qui, vestendo i panni dell’Occhio Universale Virgiliano.

È qui che ha inizio il difficile viaggio introspettivo dell’autore, partire dalla debolezza del peccato, dalla vanità di Lucifero, e cercare a tutti i costi di non essere subordinato; cercare quella perfezione che solo Dio può avere e che l’uomo cerca di rincorrere, con tutti i suoi mezzi. Viaggio che, il giovane autore e poeta, attraverso stadi di elevazione, lo porta a superare le difficoltà e la sofferenza, verso la crescita come persona, libera da condizionamenti e convenzioni, per riuscire a stare bene con se stesso e proiettarsi attraverso la ricerca dell’Armonia, con la consapevolezza di operare il cambiamento e il ribaltamento degli stati tossici e delle contaminazioni ambientali. Un viaggio, per assurgere al riscatto della propria identità personale.


“Là, dove le stelle smettono di esistere, c’è chi è più grande anche di Dio…”


Recitano i versi dell’autore, è lì che s’incontrano il Tempo e lo Spazio e dove si prefigura la terza dimensione: quella Umana. È qui la profondità della sua incessante ricerca verso la Genesi del Creato. La forza energica dell’IO, che spiega come Dio fosse preoccupato e molto addolorato che i suoi stessi figli fossero destinati a tali cipigli.


Stei per chiedere al maestro con timore

Cosa le fosse stato quel tremore…

La lugubre figura di Acerbugna

E il potere e li sostegni mi fu tardo…

Proclamando il sorger dallo bisso dell’infernale fogna...

L’angelo donna, l’unica degli astri...


La forza di Dio, la sua sapienza, l’amore, di cui empio è il suo cuore, lo portano alla salvezza del Creato e delle creature degne.

L’ode a Dio, che l’autore aspetta di incontrare e che incontra alla fine del suo viaggio, in un abbraccio paterno, dove l’angelo ribelle è finalmente stretto nelle gabbiachele e l’angelo donna, Acerbugna, finalmente viene a se riportato e lo induce a fare la sua acuta riflessione:


“Meglio sentirsi soli davvero, che soli in compagnia…”


Volare con l’intelletto è la massima aspirazione della libertà umana.


Intanto la storia ripete il suo canto,

l’ego rimane, cambia solo il manto.

Il sogno dell’infanzia è caduto,

il cuore degli uomini è diventato muto.


Rita Gemma Petrarca

Cliccare sull'immagine per visualizzare il prodotto